mercoledì 1 luglio 2009

Fata Morgana

Fata Morgana fa parte di uno dei progetti della CS_libri di Torino, libreria editrice. E’ un’antologia di racconti e non è l’unico progetto di questo editore, che pubblica trimestralmente LN, una rivista indipendente di attualità librarie, e Alia, la collana di narrativa l’arcipelago del fantastico.
So che tra chi legge questo blog ci sono persone appassionate di scrittura e di lettura. Nei vari link ci sono cose interessanti per chi ama le parole. Intanto l’editore mi ha autorizzata a postare uno dei miei racconti già pubblicati in cartaceo su Fata Morgana. L’ho scritto dopo che mi era stato detto: “Che palle, scrivi sempre cose femminili”. E allora ecco
qua: un protagonista maschile.

8 commenti:

  1. Ho letto il tuo racconto e mi sono commossa. E' da un po' che vorrei leggere il tuo libro..

    RispondiElimina
  2. Ma che bella chicca ci hai postato! Me lo leggo con calma stasera.
    Pensa che io scrivo sempre al maschile... ho bisogno di terapia? :D
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  3. Mi è piaciuto tantissimo...lo sai, è un pò che penso che, forse, da quella prima separazione, poi, è sempre un ricercare quella sensazione, quel ritorno al corpo della madre. Magari tramite altre relazioni o altri surrogati sarebbe lì che vorremmo tornare. "..dove una piroetta e uno slancio" erano possibili...Grazie degli stimoli preziosi

    RispondiElimina
  4. @Fiordaliso:grazie, sai che questo racconto in genere o non piace o commuove. Mi sono sempre chiesta come mai questa cosa. Io avendolo scritto non riesco ad essere obiettiva.
    @Martina Buckley: terapia? direi proprio di no, a parte quanto ne abbiamo bisogno ognuno di noi per cercare un senso. Trovarlo poi è un altro paio di maniche...
    @Letizia: luogo magico, non c'è dubbio: galleggiare inconsapevoli. Ah! chi non vorrebbe tornarci ogni tanto!

    RispondiElimina
  5. Una volta in un commento dicesti di non essere una scrittrice ma una autrice. Io non ne sono tanto sicura ecco. Bello e intenso il tuo racconto, non si gioca solo con le parole e il racconta cattura. Un abbraccio Marilde e grazie.
    Ora vado a vedere il resto che ci suggerisci.

    RispondiElimina
  6. @Renata: mi piace il tuo dubbio. Lo farò mio. Potrebbe essere stimolo per compiere i passi per diventare una scrittrice. Ci riuscissi anche tra 20 anni sarei più che soddisfatta.Grazie!!

    RispondiElimina
  7. Sono senza fiato e so solo dire ... complimenti!!!

    RispondiElimina
  8. grazie Marilde, per questo regalo.

    RispondiElimina