domenica 30 agosto 2009

In altri termini

Le frasi che seguono sono state scritte da Annie Lecrerc nella postfazione del libro In altri termini di Marie Cardinal. Quando le ho rilette, quest’estate, ho pensato che nonostante siano state scritte 25 anni fa non denunciano affatto la loro età. Eccole dunque, e rieccomi.


“…Perché non credo che il nostro desiderio di nascere cessi nel momento esatto in cui lasciamo il corpo di nostra madre, né che il nostro desiderio di far nascere possa realizzarsi solo in un figlio. E non è certo perché non abbiamo ancora tagliato a sufficienza il cordone ombelicale con la madre che manteniamo così pulsante, così vera, così viva, questa voglia di parole, ma perché non siamo ancora nati del tutto. E non è in funzione dei bambini che non faremo più, o che non faremo affatto, che questa voglia di scrivere ci afferra.
Tutte le volte che si intavola una discussione, che si anima un dibattito sul tema della creazione, o meglio della scrittura femminile, prima o poi appare inesorabilmente il momento in cui qualche spirito arguto arriva a enunciare o suggerire che in linea di massima converrebbe considerare la creazione come un sostituto della procreazione…”

“…Ma che diavolo avete poi da scrivere?
Scriviamo perché c’è bisogno che si scriva. E non solo perché il passato, l’infanzia, gli odori, lo choc terribile e dolce dei primi corpi raggiungano attraverso il testo scritto la loro ultima incarnazione. E non solo perché le ferite originarie saturino, finalmente, i loro grandi lembi di dolore, di stupore, nelle parole scritte. Ma perché quello che non è stato scritto lo sia, perché il reale sia in qualche modo modificato, dilatato. Perché un piccolo spazio nuovo sia dato ad altri che vi troveranno di che respirare, di che crescere, di che parlare…”.

21 commenti:

  1. Bello ritrovarti Marilde. Con questo testo poi...io che desidero rinascere ogni giorno.

    RispondiElimina
  2. bentornata Marilde, sei ricaricata? qui ritrovo tutta la tua spinta creativa. :)

    RispondiElimina
  3. ben tornata ... il punto sulla necessità di scrivere è particolarmente in sintonia con il dibattito che ultimamente si è avviato, legato al bisogno che le donne non solo si dicano, ma dicano, mostrino, espongano, narrino e riempiano quel troppo pieno (che è anche troppo vuoto) che ci gira attorno ....
    un riempimento che deve essere necessariamente diverso, colmo di altro, anche - alle volte - del silenzio che ci fa crescere ...
    un abbraccio monica

    RispondiElimina
  4. Ben tornata Marilde.
    Ed è proprio un "ben" tornata" con questo post.

    RispondiElimina
  5. Bentornata Marilde. Quanto hai riportato è davvero molto attuale.

    RispondiElimina
  6. bentornata!
    quotando Monica, aggiungo che finche' il vuoto non si riempie lo scrivere al femminile e' un dovere sociale.

    RispondiElimina
  7. @supermamabanana ma sai che la tua frase è bellissima e sintetizza benissimo il concetto? ;-) la prenderò in prestito .... posso ?

    RispondiElimina
  8. Ma grazie!! grazie a tutte. La pausa è stata fertile e sono tornata volentieri. Queste parole mi sembravano davvero adatte, e sì, concordo in pieno con il dovere sociale di scrivere e con il desiderio di rinascere ogni giorno. Ci sono parecchi progetti legati al libro per l'autunno. Un po' sparsi per l'Italia. Spero sarà occasione per vederci di persona. Quando ho aperto il blog e ho trovato tutti questi messaggi, ho avuto una bellissima sensazione di "rete". Grazie!

    RispondiElimina
  9. onoratissima monica, ovviamente si :-D

    RispondiElimina
  10. ben tornata ..... io credo che il fermento sia tipico dello spirito femminile...lo scrivere è il nostro battito d'ali

    RispondiElimina
  11. in particolare oggi che capito qui, non sai quanto mi siano vicine queste parole. grazie

    RispondiElimina
  12. Davvero bentornata! Ho scritto fino adesso (ma non cose che venivano dal cuore) scrittura prezzolata, quindi adesso smetto perchè ho male agli occhi, però riprenderò presto....

    RispondiElimina
  13. Bentornata Marilde. Rileggerti è un piacere ;)

    RispondiElimina
  14. Hai messo per iscritto il mio desiderio di avere un altro bambino...

    RispondiElimina
  15. Ancora una volta ci incontriamo.
    La Cardinal..quanto ho amato "Le parole per dirlo".
    L'hai letto?

    RispondiElimina
  16. Cara marilde,
    il tuo articolo mi ha ispirato un post. Ti ringrazio per avermi fatto mettere per iscritto quello che avevo da tanto nella zucca. Se vorrai fare un salto sul blog ne sarò lieta!

    RispondiElimina
  17. Marilde, scrivere per sciogliere questo grumo duro che ogni tanto ho dentro, un grumo che sembra sul punto di scoppiare ma non ci riesce. Come stasera.

    Bentornata

    /graz

    RispondiElimina
  18. Per tutte: grazie per i messaggi, i saluti e la condivisione dell'importanza, e della potenza delle parole.
    @widepeak: benvenuta!
    @mammainblueJeans: ora vengo a leggerti.Grazie!
    @Silvia:Le parole per dirlo è uno di quei libri che rileggo ogni tanto...che una volta non basta. Sempre attuale anche quello.bellissimo.
    un abbraccio a tutte.

    RispondiElimina
  19. ciao marilde, bentornata!
    bellissime parole ... è vero, abbiamo così tanta voglia di parole perchè non siamo nate del tutto ...

    ciao e grazie per i tuoi spunti, sempre interessanti,
    paola

    RispondiElimina
  20. il mio "bentornata" si accompagna alla soddisfazione per la scelta di un libro così significativo e di un passo così importante
    grazie, marina

    RispondiElimina