domenica 29 aprile 2012

Ma quanto mi mancava il blog?

Nel tornare in rete dopo una lunga assenza (frammentata da sporadici commenti nei blog che ho continuato a leggere), ho ritrovato il piacere di scambiare parole con persone che sento affini.  Il blog mi mancava, più di quanto pensassi. Per questo, continuerò a scrivere, anche se sono impegnata nella parte finale del libro. Ma la consegna è prevista a fine maggio, ho solo un capitolo da terminare e tutta la revisione finale, bozze comprese: il tempo è sufficiente. E  scrivere qui mi è servito per capire cosa fare con il blog. Grazie! Per ora continuo su questo, ma durante le prossime settimane creo una nuova casetta. Comunque vi terrò aggiornati. Abbiamo, l’editore e io, ancora un dubbio sul titolo, e mi piacerebbe, più avanti, coinvolgervi nella decisione finale. Nel frattempo, ho scoperto che esiste  Pinterest (eh! sì, sono lenta nelle novità), e l’unica cosa che so è che ci sono più immagini che parole. Credo potrebbe piacermi. Oppure inizio ad aggiornare Facebook, che da quando mi sono iscritta ci sarò andata  tre volte. Tra i due quale mi consigliate? Che seguirne più di uno mi sa che…

11 commenti:

  1. ciao Marilde, bentornata! sai che mi sei mancata e sono contenta tu abbia voglia di tornare a scrivere nonostante i prossimi impegni. Attendo la tua prossima casetta e come sai sono a disposizione per letture e impressioni sul titolo. Per quanto riguarda gli altri Social Network, come sai io sono di parte: niente Facebook, perché in sostanza non ho voglia di "ritrovare" persone da cui le scelte dellavita mi hanno allontanato. Mentre trovo un rifugio delizioso in Pinterest, anche se mi sembra di usarlo in maniera molto poco social, piuttosto come angolo di bellezza.

    ti abbraccio forte
    grazie di tutto
    francesca aka silvietta

    RispondiElimina
  2. Cara, intanto che bello rivederti e risentirti. poi sulla domanda: su Facebook io ho soprattutto contatti virtuali di blog in blog, a volte ti incroci su grupi specifici con tante eprsone e veramente ti ingorghi tra nomi veri, nick ecc. delle volte una e[rsona che a furia di incrociarla su Fb con nome e congome poi scopri per caso che è la stessa di un blog che magari hai letto tempo fa e poi avevi perso di vista. Insomma, gli intrecci della rete. A me piacicono le parole e le discussioni che dal blog rimbalzano su facebook, dove a volte sono più intime, visto che le eprsone che hai in amicizia bene o male sai chi sono, e a volte no perchè su Facebook hai anche la mamma, i parenti gli amici eccetera. Per questo ho messo su un gruppo Dubito ergo sum per domande esistenziali di cui discuto meglio in un gruppetto chiuso così mio marito non si offende e minaccia il divorzio come fa ogni volta che pensa che lo stia sminuendo in pubblico. Altri gruppi nascono come divertissement su un argomento o l' altro e a forza di leggere cose sensate degli amici degli amici, cominci a seguire anche questi ultimi in prima persona. Con Pinterest questo approfondimento a chiacchiere non lo puoi fare, ma ci puoi fare altre belle cose che sto scoprendo.

    RispondiElimina
  3. Ciao Marilde. Ti conosco solo da poco, ma posso dirti che il blog è uno sfogo necessario che torna sempre utile. In bocca al lupo con il libro!
    Buona serata.

    RispondiElimina
  4. Bentornata Marilde, solo questo.
    Mi sei mancata molto.
    Su Facebook hai in una schermata tutto quello che stanno facendo/pubblicando le persone che ti interessano.. in quello ci vedo un valore aggiunto. Poi ci sono i momenti in cui gli daresti fuoco, ma lì andiamo sul soggettivo. E' solo una questione di selezione, e sono sicura che hai molto più discernimento (di me per esempio)

    RispondiElimina
  5. Ciao Maride, sono arte terapeuta e madre da poco ed il tuo libro mi è servito sia per lavorare con la relazione tra mamma e bimbo, sia nella mia relazione con il mio bimbo.
    Sei stata la prima ancora che mi ha poi portato ad affrontare queste difficoltà con altre madri, con le quali stiamo costruendo un gruppo di auto aiuto con mamme e neonati. Ho consigliato il tuo libro a molte mamme che mi hanno poi ringraziato. Il linguaggio è comprensibile e diretto e tocca i temi che spesso sono stati innominabili.
    Volevo ringraziarti ora che ti ho trovata.
    Buona notte.
    Giulia

    RispondiElimina
  6. Grazie dei suggerimenti, e dei bei commenti che mi scrivete. E, benvenuta Giulia!

    RispondiElimina
  7. Credo che Facebook sia più utile a livello "promozionale", mentre Pinterest per ora lo trovo più un "giochetto"...

    RispondiElimina
  8. Arrivo in ritardo...ma ci tengo comunque a dirti "grazie" di aver scritto questo libro...E' stato il primo di una lunga serie di libri da me letti dopo che è nata mia figlia, 15 mesi fa...Il mio unico rimpianto è stato di non averlo scoperto (cercato) anche solo un mese prima del parto....

    RispondiElimina
  9. fiordistella e Silvia: Ciao!

    Grazie a te Tiziana! e auguri per te e la tua bimba.

    RispondiElimina